Mercoledì, 22 Agosto, 2018
Tu sei qui : Home Giurisprudenza Giurisprudenza Cittadinanza

Cittadinanza

DocumentsDate added

Order by : Name | Date | Hits [ Ascendant ]

Richiesta di acquisizione cittadinanza italiana per coniugio con cittadino italiano -  diniego del Prefetto per paventato difetto della convivenza - illegittimità - mancato riferimento all'epoca degli accertamenti svolti della questura competente.

Impugnazione del diniego alla richiesta di accertamento dello stato di apolide - giurisdizione del giudice ordinario - l'accertamento dello stato di apolide, cioè la ricognizione negativa della cittadinanza di qualsiasi Stato, sulla base dell'art. 17 del D.P.R. n. 572 del 1993, rientra fra le ipotesi con di cui all'art. 2 della legge 20 marzo 1865 n. 2248 all, che  allo stesso giudice ordinario riserva le materie in cui si faccia questione di un diritto civile o politico, la cui tutela è sempre ammessa dinanzi al predetto giudice ai sensi dell'art. 113 Cost.


Il procedimento riguardante il riconoscimento dello “status” di apolide, in mancanza di diversa esplicita previsione legislativa, deve essere assoggettato alle forme proprie del giudizio ordinario di cognizione e si deve svolgere in contraddittorio con il Ministro degli Interni.